Archivio per 27 aprile 2018

Relatore al Convegno “Centauro tra mito e realtà- uomini autori di violenza: uno spazio per il cambiamento possibile” organizzato dalla Asl a Grosseto il 18/04/2018

Docente alla formazione “L’accoglienza congiunta” organizzato dal centro antiviolenza Il Nido di Ana a Rieti il giorno 14/04/ 2018

• Docente al “Corso intensivo in psicologia e psicopatologia del comportamento sessuale tipico e atipico” organizzato dal Centro di Sessuologia Integrata Il Ponte a Firenze il giorno 7/04/2018

Docente al “Corso intensivo in psicologia e psicopatologia del comportamento sessuale tipico e atipico” organizzato dal Centro di Sessuologia Integrata Il Ponte a Firenze il giorno 7/04/2018

Relatore al primo Convegno Relive “Relazioni libere dalle violenze-una sfida per il cambiamento maschile”

Mario De Maglie intervistato per Forum il 16/10/2017

Rapporti di coppia, nessuna relazione ha bisogno di violenza per (r)esistere

Ogni violenza per esistere ha bisogno di una relazione, ma una relazione non ha alcun bisogno di violenza per esistere. In ogni coppia troviamo un livello di conflittualità che è in grado di sostenere, superato il quale entra in crisi e una delle possibilità è che l’aggressività di uno dei due prenda il sopravvento sull’altro.

Solitamente è l’uomo a utilizzare modalità violente, in preda alla rabbia; la tentazione di usare la forza per imporsi c’è, ma non esiste solo la violenza fisica e l’aggressività non è solo una componente del maschio. L’uomo è comunque più incline alla violenza perché:

– può farlo in quanto (di solito) è più forte;

– può faticare maggiormente a esprimere le emozioni e questo può implicare un minore rilascio di tensioni rispetto a una donna;

– la rabbia (l’emozione che di solito genera un comportamento violento) viene pensata spesso come maschile e quindi quasi giustificata nei rapporti, quando non addirittura pretesa.

Certo che ogni uomo è perfettamente in grado di porsi in antitesi a questi tre fattori e non dover mai ricorrere a modalità violente. La violenza non è quasi mai un destino ma una scelta, anche se (come collettività) abbiamo il dovere di lavorare ancora tantissimo su tanti aspetti che favoriscono dinamiche conflittuali e violente all’interno delle relazioni tra i generi e non solo.

Un lavoro strutturato e continuativo nelle scuole con i ragazzi – perché imparino non soltanto dai libri di testo ma anche a leggersi dentro e a empatizzare con l’altro grazie ad adulti qualificati – è il miglior investimento che si possa fare oggi.

Talvolta la violenza è un modo altamente disfunzionale e pericoloso di tenere in vita un rapporto che non ha più futuro, se non quello ottenuto con l’imposizione e la paura. Per chiudere un rapporto bisogna ammettere di aver fallito con quella persona, ma bisognerebbe anche capire che fallire in un rapporto non significa fallire nella vita. Più si tarda a chiudere qualcosa, più si tarda ad aprirsi a nuove possibilità.

Per cambiare si passa necessariamente attraverso il dolore. Se le cose non vanno bene nella coppia non si può eliminare il disagio in modo veloce e indolore, ma questo è privo di senso se fa vivere in una situazione di stallo. Paradossalmente il malessere è il più potente fattore di cambiamento. Chi sta bene non ha alcun bisogno di cambiare qualcosa fortunatamente, ma a tutti avviene di dover cambiare qualcosa per stare meno male in situazioni che si riconoscono come difficili.

La violenza è un’opzione che può sembrare inevitabile: si crede di non aver alternative, ci si convince che in fondo, anche se si sbaglia, si ha ragione, ci si difende dall’altro come meglio si può. Altre volte può essere una modalità di interazione acquisita e ben radicata nell’individuo, che la utilizza perché non ha appreso altro che quella. Le motivazioni e le giustificazioni possono essere diverse ma il risultato è sempre la distruzione di uno o più rapporti; non ci sono eccezioni, anche quando chi subisce è poi in grado di ricorrere a risorse ambientali e personali che ne favoriscono la ripresa, i sentimenti verso gli aggressori saranno sempre conflittuali bene che vada.

Riconoscere di aver avuto dei comportamenti violenti e voler cambiare è un percorso ad ostacoli. La strada verso l’assunzione di responsabilità di quanto si compie è lunga e non elimina i danni che sono stati già provocati; ma il proprio benessere si misura forse più per le scelte che compiamo oggi e quindi quello che possiamo ancora cambiare che per le scelte che abbiamo fatto in passato e con cui dobbiamo necessariamente convivere.

da:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/04/24/rapporti-di-coppia-nessuna-relazione-ha-bisogno-di-violenza-per-resistere/4304511/

Convegno nazionale Relazioni libere dalle violenze, una sfida per il cambiamento maschile

Il 23 e 24 Marzo si svolgerà a Trento il primo convegno nazionale dell’Associazione Relive -Relazioni Libere dalle Violenze, il coordinamento italiano, istituitosi nel 2014, a cui aderiscono molti dei centri che, negli ultimi anni, si sono andati creando per affrontare il lavoro con gli uomini autori di violenza. Il Convegno rappresenta un’importante e unica occasione di confronto e valutazione delle iniziative in atto sul territorio nazionale, a tre anni dall’entrata in vigore della Convenzione di Istanbul, che individua la rieducazione degli uomini autori di violenza quale parte integrante della strategia per il contrasto alla violenza di genere. Il Convegno è organizzato da Relive in collaborazione con Fondazione famiglia materna, Alfid Onlus e la Provincia autonoma di Trento, in corso di accreditamento Ecm e presso Ordine degli assistenti sociali, Ordine degli avvocati, Ordine degli psicologi e Iprase.

A prendere parte al convegno saranno relatori che, da anni, lavorano per il contrasto alla violenza di genere, nomi conosciuti a livello nazionale e internazionale.

Fare rete e condividere le esperienze più importanti che hanno prodotto dei risultati positivi o, al contrario, hanno evidenziato delle criticità riguardo alla presa in carico degli uomini autori di violenza su donne e minori è alla base di questo storico momento di confronto.

Un punto fondamentale che il convegno, ma l’Associazione Relive in generale, vuole ribadire è che, oltre ad avere delle linee guida comuni e una visione condivisa della violenza di genere, bisogna fare arrivare, alle istituzioni e a chiunque si affacci all’argomento, la specificità del lavoro con l’uomo autore di violenza.

Recenti e meno recenti fatti di cronaca rendono evidente che siamo in grossa difficoltà a riconoscere la violenza e i suoi pericoli, quindi gli operatori e le operatrici necessitano di una formazione specifica sul maltrattamento domestico perché questo non sfugga anche a tanti professionisti preparati e in gamba, ma che, senza aver sviluppato sensibilità e strumenti adeguati, possono sottostimare delle situazioni in cui donne e minori sono a rischio.

Rendere visibile l’invisibilità di cui si nutre e in cui prolifera la violenza di genere è un obiettivo fattibile a patto che istituzioni e professionisti si rimbocchino le maniche e ci sia una reale volontà politica verso il cambiamento, in modo che tragedie annunciate si verifichino sempre meno.

La libertà degli uomini passa necessariamente e ineluttabilmente dalla libertà delle donne.

Vi aspettiamo a Trento, chiunque desideri maggiori informazioni può rivolgersi alla segreteria organizzativa comunicazione@famigliamaterna.it

da:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/03/15/convegno-nazionale-relazioni-libere-dalle-violenze-una-sfida-per-il-cambiamento-maschile/4215597/