Venerdì 18 Maggio 2012 : Guardare nel vaso di Pandora: ripensare le esperienze contro la violenza di genere per nuovi progetti

All'Ospedale di Careggi sono stato presente nell'ambito del seguente convegno per presentare l'esperienza del Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti

 

Firenze  Venerdì  18 Maggio 2012

Guardare nel vaso di Pandora:  ripensare le esperienze contro la violenza di genere per nuovi progetti

sotto il link della brochure

 

http://www.aou-careggi.toscana.it/internet/docs/file/eventi%20scientifici/12_Pandora.pdf

 

 

I sessione                                               

8.15 Registrazione partecipanti

8.30 Introduzione alla giornata

(Prof. G. Gensini, Dott. V. Del Ministro, rappresentante CUG, Dott. F. Ferri, Prof. G. Scarselli)

mod. S. Bucciantini, S. Grifoni

9.15 Ripensare la formazione sul tema violenza di genere: ricadute di un corso per infermieri addetti all’accoglienza urgenza

(M. Dei, partecipante al corso AOUC)

9.45 Modelli operativi di accoglienza in urgenza in Toscana

(V. Doretti)

Discussione

10.30 L’interfaccia tra le strutture

pubbliche e i Centri Antiviolenza

(T. Bruno)

11.00 Il punto di vista delle forze investigative

(A. Di Martino)

11.30 L’esperienza del Centro di Ascolto per Uomini maltrattanti

(A. Cicogni, M. De Maglie)

12.00 Adolescenti e "dating violence": strategie di intervento

(L. Beltramini)

Discussione e break

 

 

II sessione

mod. G. Antico, R. Leonetti

14.00 Punti di discussione nella valutazione di abuso sessuale su minore

(V. Bruni)

14.30 Quando l’ascolto e l’osservazione diventano diagnosi

(M.C. Stefanini)

15.00 Bambini spettatori di violenza: quali ricadute, quali consapevolezze

(S. Losi, C. Teodori)

Discussione

15.30 Sintomi dolorosi e violenza familiare (A. Citernesi)

16.00 Violenza e gravidanza: dalla consapevolezza alle proposte operative

(V. Dubini)

16.30 "Impigliati nella rete": il punto di vista dei pediatri di famiglia e dei medici di medicina generale

( M. Pierattelli, L. Caldini, P. Rafanelli )

17.30 Conclusioni

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *