“Essere donna, essere uomo, essere persona al di là del genere” prime riflessioni

In occasione della "Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne"  ,che si celebra il 25 Novembre, quest'anno, per la seconda volta (prima volta nel 2010), ho tenuto per conto dell' Assessorato alle Pari Opportunita del Comune di Firenze il laboratorio esperienziale : "Essere donna, essere uomo, essere persona al di là del genere".

Il laboratorio ha inteso essere una discussione non strutturata e della durata di un ora e mezzo sulle differenze di genere da parte di cittadini di entrambi i sessi. La modalità di conduzione del gruppo è stata improntata sullo stile rogersiano.

Il mio interesse per le differenze di genere e gli stereotipi ad esso legati nasce dal mio lavoro per conto del Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti, dove ho modo di riflettere su come determinati schemi mentali, legati al modo di considerarsi uomo e di considerare la donna, forniscano un terreno fertile per l'agito violento e la sua legittimazione da parte chi lo agisce.

Sebbene essere legati a degli stereotipi di genere non sfoci necessariamente in violenza, la violenza spesso è legata a degli stereotipi di genere. Il considerare la differenza tra uomini e donne in modo discriminante e riduttivo costituisce comunque un'occasione mancata in quanto ciò che potrebbe essere una risorsa per la crescita personale e collettiva ne diviene invece un ostacolo.

La diversità può spaventare se non la si conosce, in quanto verso ciò che non si conosce si è sempre diffidenti, ecco perchè è importante invece avvicinarsi e conoscerla ed è quello che ho provato a fare con questo laboratorio dove uomini e donne hanno potuto esporre i loro pensieri ed i loro sentimenti riguardo la loro specifica appartenza di genere ed al ruolo più generale che essa ha giocato in passato e gioca attualmente.

Siamo lontani da una reale parità dei sessi, l'uomo gioca un ruolo dominante e questo suo stesso ruolo ha per lui dei costi notevoli. Il dover essere va sostituito con il poter essere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *