Peggio dell’intolleranza degli intolleranti c’è solo l’intolleranza dei tolleranti

Peggio dell’intolleranza degli intolleranti c’è solo l’intolleranza dei tolleranti. I primi, di solito, si definiscono tali tramite verdetto popolare, mentre i secondi tramite autocelebrazione. Amiamo pensarci buoni, migliori, diversi, ma proprio il nostro rapporto con la diversità è alquanto egoistico e superficiale. La diversità non è solo prerogativa del prossimo, ma la portiamo inevitabilmente in dote anche noi nell’incontro con l’altro. La condizione umana è relazionale: nel dialogo l’essere umano vive al massimo delle potenzialità, si rende fecondo, incontra il contrasto e si dota degli strumenti necessari per farvi fronte, allenando spirito, intelletto e capacità.

Il pensare l’altro diverso e il pensarci diversi sono facce della stessa medaglia, sono l’equilibrio necessario a non cadere in forme di odio, razzismo e livore che annientano le relazioni. Diversità non vuol dire meglio o peggio: crederlo significa partire dal nostro punto di vista, ma rimanervi fermi, perdendo l’altro o meglio negando il suo valore. Il proprio punto di vista è punto di partenza, certamente, ma non punto di arrivo: a esserlo è il punto di vista dell’altro, in un tragitto che fa dell’apprendimento e della crescita i propri compagni di viaggio. All’altro io arrivo se mi muovo verso di lui o se lui muove verso di me, in un processo che entrambi gli attori possono facilitare o ostacolare, altrimenti la distanza non cessa di essere ciò che ci tiene lontani e sconosciuti: si sa che è proprio quel che non si conosce a spaventare. Il buio che tutto nasconde è una delle più antiche paure umane: il fuoco, che non solo riscalda ma illumina, ha permesso all’uomo di evolversi.

Andare incontro non significa aderire, omologarsi, annullarsi, ma rimarcare la propria individualità senza sentirla minacciata. È la diversità che la fa risplendere e la trasforma in un ponte che possiamo attraversare e che risulta in grado di reggere i pesi della vita. Incontrare altri modi di pensare significa far evolvere il proprio: nel momento in cui accetto quanto l’altro mi porta, non devo farlo mio, ma devo fare mia la consapevolezza che quanto pensa e sente ha pari dignità di quanto io penso e sento, a patto che non lo trasformi in azioni lesive verso se stesso o il prossimo.
Solo nella relazione con l’altro possiamo conoscere al meglio noi stessi
Leggi Anche
dal blog di Mario De Maglie
Solo nella relazione con l’altro possiamo conoscere al meglio noi stessi

L’altro è confronto continuo: nell’identicità ritrovo me stesso, ma non cambio; mi rinforzo, ma mi irrigidisco, imparo a bastarmi forse e di conseguenza ad accontentarmi. Nella diversità opera il conflitto, ma gli schieramenti in campo devono avere forze paritarie perché nella diversità non abbiamo un vincitore e un vinto, non è una guerra, ma un riequilibrio di forze, una tendenza ad andare non sopra le cose, ma oltre le cose.

Siamo generatori di significato, non semplici recettori. La sfida continua è riuscire a comprendere quanto di quello che attribuiamo all’altro è solo una proiezione di noi stessi, di quello che siamo noi a sentire. Capire il confine significa rispettare il suo essere estraneo a noi nella sua autenticità. L’altro è mio nemico nella misura in cui mi vede arrivare con intenzioni bellicose e se è vero che lo sono anche io, nella misura in cui lo vedo arrivare a me con altrettante intenzioni, a volte è necessario che uno dei due smetta di attaccare perché l’altro cessi di difendersi.

da:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/08/21/peggio-dellintolleranza-degli-intolleranti-ce-solo-lintolleranza-dei-tolleranti/5394849/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *